Servizio Responsabile Protezione dei Dati personali (DPO)

ll Regolamento (UE) 2016/679 del 27 aprile 2016, più noto con l’acronimo inglese GDPR, oltre a prevedere un nuovo quadro giuridico in materia di data protection, fondato sul concetto anglosassone di accountability del Titolare, nonché un approccio basato sul rischio, ha introdotto una nuova figura, finora sconosciuta nel nostro ordinamento giuridico, il Data protection officer (DPO) o, all’italiana, Responsabile della protezione dei dati (RPD).

Ma quando è obbligatorio nominare un Data Protection Officer? Quali sono i suoi compiti? Che qualità ed esperienze deve possedere? Deve essere un dipendente o può essere nominato anche un soggetto esterno? Quali sono le conseguenze se non è nominato? È responsabile nei confronti dei terzi e/o degli interessati in caso di violazione del GDPR? Queste sono solo alcune delle tante domande che si stanno ponendo aziende ed enti pubblici a cui cercheremo di dare una risposta, anche tramite esemplificazioni pratiche.

Chi è e cosa fa il Il Responsabile della Protezione dei dati personali? CLICCA QUI PER APPROFONDIRE

Consulenza legale

Il confine tra “consulenza legale” e “informazione legale” è spesso confusao. In linea generale, solo un avvocato può fornire una consulenza legale effettiva, mentre ogni altro non giurista può recitare informazioni legali. Inoltre, è generalmente illegale per un non avvocato od un avvocato non iscritto al relativo albo offrire consulenza legale o rappresentare una persona diversa da se stessa in un Tribunale.

Le persone che forniscono volontariamente o inconsapevolmente una consulenza legale senza la prescritta iscrizione all’Albo, il giudizio o l’autorità per farlo sono soggette a sanzioni penali.

A differenza delle informazioni legali, la consulenza legale si riferisce al consiglio scritto o verbale su una questione legale che potrebbe incidere sui diritti e le responsabilità della persona che riceve la consulenza. Inoltre, l’effettiva consulenza legale richiede un’attenta analisi della normativa e della giurisprudenza in quanto si applica alla specifica situazione di una persona – al contrario della semplice speculazione basata su fatti generici.

Da un punto di vista legale, fornire consulenza legale equivale a svolgere un’attività riservata, e solo un avvocato iscritto al relativo Albo, con il quale si è stabilito un rapporto avvocato-cliente può fornire una consulenza legale effettiva. A causa degli obblighi che derivano dalla prestazione di tale consulenza legale, l’avvocato è anche soggetto a determinati diritti e responsabilità a seguito delle informazioni fornite.

Assistenza stragiudiziale

L’assistenza legale extragiudiziale comprende i servizi di consulenza legale e di difesa forniti in un contenzioso extragiudiziale senza rivolgersi al tribunale.

Questo significa che l’assistenza è prestata in tutte quelle circostanze in cui è consigliabile cercare di risolvere le controversie od i problemi di natura legale senza ricorrere all’Autorità giudiziaria. Il nostro studio legale fornisce assistenza legale per ottenere una risposta chiara, esauriente e tempestiva.

Le attività di assistenza extragiudiziale sono incentrate su:

  • prevenire le controversie, evitando così i costi di una causa per l’assistenza del cliente;
  • identificare le possibili soluzioni di una controversia in atto;
  • svolgere azioni specifiche, la cui corretta impostazione dipende dalla prestazione di servizi legali.

Assistenza giudiziale, arbitrati e risoluzione alternativa delle controversie

Ci sono momenti in cui la salvaguardia della propria posizione finanziaria è importante quanto la ricerca di nuove opportunità. Siamo pronti ad assistere i nostri clienti nelle più disparate forme di contenzioso, sempre alla ricerca dei migliori risultati con un alto grado di efficacia, creatività ed efficienza.

Consigliamo e rappresentiamo i nostri clienti in contenziosi e questioni preventive in vari tipi di controversie commerciali, comparendo dinanzi a tribunali, autorità amministrative e agenzie di regolamentazione, partecipando a procedimenti arbitrali e assistendo i clienti nelle discussioni preliminari per prevenire o ridurre l’impatto delle controversie.

Nella fase di preparazione del contenzioso, collaboriamo con esperti e clienti per creare un tema di prova ed identificare i punti di forza e di debolezza, sviluppare argomenti persuasivi, valutare i testimoni per le testimonianze e discutere le istanze di prova.

La maggior parte dei casi non arriva sempre al processo, ma viene invece risolta per eliminare il rischio e le spese del processo. Possiamo comunque risolvere un contenzioso in qualsiasi momento durante il ciclo di vita del processo.

Il nostro approccio include un’analisi approfondita degli obiettivi e dei vincoli di un cliente e l’importanza strategica delle questioni rilevanti all’inizio di una controversia, con conseguente maggiore chiarezza delle aspettative dei clienti lungo tutto il processo del contenzioso.